Uno «scaccolo di carta»: la prima divisione delle case dei Massimo dopo il Sacco