Il movimento “noglobal” di fronte alla guerra. Un pericolo ed una chance