Lukács e Simmel. Il disincanto della modernità e le antinomie della ragione dialettica