Il divieto di "venire contro il fatto proprio"