LE DICHIARAZIONI DI RINUNCIA NEL GIUDIZIO DI COGNIZIONE