Fuga dalla storia? Il movimento comunista tra autocritica e autofobia