Utopia e stato d’eccezione. Sull’esperienza storica del «socialismo reale»