E’ difficile sorprendersi del fatto che il liberalismo abbia conseguito oggi una salda egemonia ideologica. Se il conflitto politico-sociale è anche una lotta tra idee e teorie, la sconfitta nell’ambito di tale conflitto è una sconfitta integrale: mentre per anni, in concomitanza con i processi di costruzione della democrazia moderna e di emancipazione dal colonialismo, esse sono state all’avanguardia nel campo dell’elaborazione concettuale come dell’espressione artistica, non esistono attualmente visioni del mondo alternative al liberalismo che abbiano reale effettualità. Cosa significano oggi, nell’opinione dominante, parole come «terrorismo», «fondamentalismo», «antiamericanismo» o «antisionismo»? La vittoria egemonica del liberalismo si misura anche dalla particolare profondità con cui ha saputo penetrare e ristrutturare, in maniera esplicita ma più spesso inavvertita, persino le visioni del mondo antagonistiche, fornendo alla società intera e alle stesse classi subalterne le idee con cui percepire e pensare la realtà e ricostruendo secondo il proprio «lessico» le parole con cui nominarla. Allo stesso modo, abbiamo assistito negli ultimi decenni ad una revisione dei paradigmi interpretativi della storia contemporanea così pervasiva da modificare l’immaginario collettivo, a conferma del drastico mutamento della fase politica e dei rapporti di forza sociali e tra le nazioni. Il libro fornisce un’analisi di questo «lessico», con l’obiettivo di problematizzare una serie di nozioni che troppo spesso nel dibattito intellettuale vengono utilizzate in maniera irriflessa.

Il linguaggio dell'Impero. Lessico dell'ideologia americana

LOSURDO, DOMENICO
2007

Abstract

E’ difficile sorprendersi del fatto che il liberalismo abbia conseguito oggi una salda egemonia ideologica. Se il conflitto politico-sociale è anche una lotta tra idee e teorie, la sconfitta nell’ambito di tale conflitto è una sconfitta integrale: mentre per anni, in concomitanza con i processi di costruzione della democrazia moderna e di emancipazione dal colonialismo, esse sono state all’avanguardia nel campo dell’elaborazione concettuale come dell’espressione artistica, non esistono attualmente visioni del mondo alternative al liberalismo che abbiano reale effettualità. Cosa significano oggi, nell’opinione dominante, parole come «terrorismo», «fondamentalismo», «antiamericanismo» o «antisionismo»? La vittoria egemonica del liberalismo si misura anche dalla particolare profondità con cui ha saputo penetrare e ristrutturare, in maniera esplicita ma più spesso inavvertita, persino le visioni del mondo antagonistiche, fornendo alla società intera e alle stesse classi subalterne le idee con cui percepire e pensare la realtà e ricostruendo secondo il proprio «lessico» le parole con cui nominarla. Allo stesso modo, abbiamo assistito negli ultimi decenni ad una revisione dei paradigmi interpretativi della storia contemporanea così pervasiva da modificare l’immaginario collettivo, a conferma del drastico mutamento della fase politica e dei rapporti di forza sociali e tra le nazioni. Il libro fornisce un’analisi di questo «lessico», con l’obiettivo di problematizzare una serie di nozioni che troppo spesso nel dibattito intellettuale vengono utilizzate in maniera irriflessa.
9788842081913
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1891061
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact