Ipocondria dell’impolitico. La critica di Hegel ieri e oggi