Gli archivi forlivesi hanno permesso di ricostruire il tentativo di "defascistizzare" la città e le sue istituzioni. Colpite furono le figure minori dell'impiego, sostituite da nuovo personale proveniente dai partiti antifascisti in via di consolidamento. Più difficile rimuovere i quadri superiori nel Municipio, in Prefettura, nell'Ospedale. I processi furono spesso un'occasione per una "rappresentazione" della giustizia, ma non ressero a una revisione presso le Corti d'Appello.

L’epurazione nella città del duce (1943-1948)

MENGOZZI, DINO
1983

Abstract

Gli archivi forlivesi hanno permesso di ricostruire il tentativo di "defascistizzare" la città e le sue istituzioni. Colpite furono le figure minori dell'impiego, sostituite da nuovo personale proveniente dai partiti antifascisti in via di consolidamento. Più difficile rimuovere i quadri superiori nel Municipio, in Prefettura, nell'Ospedale. I processi furono spesso un'occasione per una "rappresentazione" della giustizia, ma non ressero a una revisione presso le Corti d'Appello.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1891101
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact