Il tempo e il pensare aporetico. Aristotele e Agostino