Un elogio di Niccolò Perotti nel codice Vat. Lat. 6848