Il trattato sui metri boeziani di Niccolò Perotti: una questione di metodo