Il ‘De metris’ di Niccolò Perotti (prime considerazioni