Fortuna e imitazione nel Cinquecento