Narratore e destino: il "sogno" contadino di Ippolito Nievo