Il secondo stasimo degli Eraclidi di Euripide (vv. 608-629)