Le "Favole insidiose" di Anna Bonacci sul limitare della scena