Figure della «servitù volontaria». La Boétie e Bruno