L’integrazione come artificio geografico: tra intercultura e formazione