Il volume è frutto di un Convegno internazionale (2004), progettato dall’autrice con Association Italique e con altre istituzioni accademiche e culturali. La curatrice nell’Introduzione rimarca le fonti utilizzate nei contributi per la ricostruzione delle esperienze di leadership femminile in differenti momenti e contesti della storia medievale e moderna. Nel saggio contestualizza le problematiche sociali scaturite dal dibattito culturale dei secoli XIV-XV sulla querelles des femmes e la loro influenza sull’attuale problema dell’empowerment femminile. In particolare, l’analisi dell’opera utopica di Christine de Pizan, la Cité des dames, circolante dal 1405 nelle corti europee, ha permesso di valorizzare il significato paideutico e politico delle scienze delle donne nella gestione della vita quotidiana e nello sviluppo della civiltà europea. Il saggio mostra temi, motivi, strategie e simboli usati dalla de Pizan per formare l’identità femminile e per legittimarla all’esercizio dei pubblici poteri, al di fuori degli stereotipi misogini e delle tradizioni patriarcali.

Christine de Pizan: il potere del quotidiano nel XV secolo

GIALLONGO, ANGELA
2005

Abstract

Il volume è frutto di un Convegno internazionale (2004), progettato dall’autrice con Association Italique e con altre istituzioni accademiche e culturali. La curatrice nell’Introduzione rimarca le fonti utilizzate nei contributi per la ricostruzione delle esperienze di leadership femminile in differenti momenti e contesti della storia medievale e moderna. Nel saggio contestualizza le problematiche sociali scaturite dal dibattito culturale dei secoli XIV-XV sulla querelles des femmes e la loro influenza sull’attuale problema dell’empowerment femminile. In particolare, l’analisi dell’opera utopica di Christine de Pizan, la Cité des dames, circolante dal 1405 nelle corti europee, ha permesso di valorizzare il significato paideutico e politico delle scienze delle donne nella gestione della vita quotidiana e nello sviluppo della civiltà europea. Il saggio mostra temi, motivi, strategie e simboli usati dalla de Pizan per formare l’identità femminile e per legittimarla all’esercizio dei pubblici poteri, al di fuori degli stereotipi misogini e delle tradizioni patriarcali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/2298744
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact