Il Feudo e la marca. Tra voto bianco e voto verde, i partiti a Vicenza