In questi ultimi anni, in alcuni convegni pubblici e nella letteratura tecnico-scientifica, si riscontra spesso un uso inappropriato di alcuni parametri nel rilievo eseguito con il sistema NAVSTAR e nella post elaborazione. Si confonde la tecnica del rilievo statico con quella dello statico rapido; si parla di rilievo statico con tempi di acquisizione di 10 minuti; si usano intervalli di acquisizione non adeguati; si usa un valore dell’angolo di cut off inappropriato anche per rilievi di precisione; si fanno test di verifica della bontà di un rilievo RTK con acquisizioni ad 1 secondo per 24 ore, si affermano accuratezze nei risultati con precisioni millimetriche non sempre supportate da procedure rigorose e così via. A questo proposito si sono analizzati anche alcuni capitolati per l’appalto dei lavori di rilevamento, affetti spesso, da questo tipo di problematiche. Per cercare di fare chiarezza su questi argomenti da una parte si è verificata la terminologia e l'operatività, a volte contraddittoria, su una vasta bibliografia sia tecnica che scientifica; dall'altra parte sono stati effettuati dei test sui metodi di rilievo, in particolare statico e statico rapido e sulla post elaborazione quale verifica tra teoria e prassi. Per poter rispondere in modo esauriente alle domande di come può influire sulla bontà del risultato finale, la scelta dell’intervallo di acquisizione, oppure quella del tempo di osservazione in base alla lunghezza della linea di base, sono stati eseguiti dei test con linee di base di 5, 10 e 15 km. Il rilievo è stato fatto con ricevitori a doppia frequenza. La ricerca ha comportato 27 giorni di rilievo ed 80 giorni di post elaborazione. Si è voluto impostare il lavoro cercando di rispettare, sia nel rilievo che nella post elaborazione dei dati, una situazione di “normalità” nel senso che sono stati scelti siti dove la qualità delle osservazioni non fosse né eccezionale né pessima. Si presentano alla fine i primi risultati di alcuni test a supporto di una chiarezza operativa che consenta di precisare in modo più puntuale, anche i contenuti di una futura documentazione tecnico-scientifica.In recent years, both in public and at conferences in the technical and scientific literature, it was found inappropriate use of some parameters in the survey carried out with the NAVSTAR system and post processing. As an example we cite the most striking phenomena: the technique of the relief to be confused with that of rapid static, it comes with significant static acquisition times of 10 minutes, using inappropriate acquisition intervals, using a value of 'cut-off angle inappropriate for precision measurements, tests are made to check the goodness of a RTK with acquisitions to 1 second to 24 hours or more to get results saying with pinpoint precision, etc.. In this regard, we have analyzed some of the works contract for the procurement of collection and it was found that often suffer the same problems. To try to clarify these issues on the one hand there was the terminology and at times contradictory operatives operating an extensive bibliography of technical and scientific.On the other side of the tests were performed on survey methods, including static and rapid static and do post-processing that occurs between theory and practice. In order to answer fully the questions of how it can affect the goodness of the final result of the choice of the range, or the acquisition of the observing time based on the length of the baseline tests were performed with baselines of 5, 10 and 15 km. The survey was done with dual-frequency receivers Leica, while the baseline of 30 km was used Topcon always dual-frequency receivers. The research involved 27 days of relief and 80 days post-processing. We wanted to set the job trying to respect both in relief in the post-processing of data a situation of "normality" in the sense that sites were chosen where the quality of the observations was not great nor bad. We have the end results of these tests to support a business that allows to specify clearly, in appropriate terms, even the substance of future technical and scientific documentation.

GPS TERMINOLOGIA ED OPERATIVITÀ: ALCUNI TEST DI VERIFICA TRA TEORIA E PRASSI

BARATIN, LAURA;
2011-01-01

Abstract

In questi ultimi anni, in alcuni convegni pubblici e nella letteratura tecnico-scientifica, si riscontra spesso un uso inappropriato di alcuni parametri nel rilievo eseguito con il sistema NAVSTAR e nella post elaborazione. Si confonde la tecnica del rilievo statico con quella dello statico rapido; si parla di rilievo statico con tempi di acquisizione di 10 minuti; si usano intervalli di acquisizione non adeguati; si usa un valore dell’angolo di cut off inappropriato anche per rilievi di precisione; si fanno test di verifica della bontà di un rilievo RTK con acquisizioni ad 1 secondo per 24 ore, si affermano accuratezze nei risultati con precisioni millimetriche non sempre supportate da procedure rigorose e così via. A questo proposito si sono analizzati anche alcuni capitolati per l’appalto dei lavori di rilevamento, affetti spesso, da questo tipo di problematiche. Per cercare di fare chiarezza su questi argomenti da una parte si è verificata la terminologia e l'operatività, a volte contraddittoria, su una vasta bibliografia sia tecnica che scientifica; dall'altra parte sono stati effettuati dei test sui metodi di rilievo, in particolare statico e statico rapido e sulla post elaborazione quale verifica tra teoria e prassi. Per poter rispondere in modo esauriente alle domande di come può influire sulla bontà del risultato finale, la scelta dell’intervallo di acquisizione, oppure quella del tempo di osservazione in base alla lunghezza della linea di base, sono stati eseguiti dei test con linee di base di 5, 10 e 15 km. Il rilievo è stato fatto con ricevitori a doppia frequenza. La ricerca ha comportato 27 giorni di rilievo ed 80 giorni di post elaborazione. Si è voluto impostare il lavoro cercando di rispettare, sia nel rilievo che nella post elaborazione dei dati, una situazione di “normalità” nel senso che sono stati scelti siti dove la qualità delle osservazioni non fosse né eccezionale né pessima. Si presentano alla fine i primi risultati di alcuni test a supporto di una chiarezza operativa che consenta di precisare in modo più puntuale, anche i contenuti di una futura documentazione tecnico-scientifica.In recent years, both in public and at conferences in the technical and scientific literature, it was found inappropriate use of some parameters in the survey carried out with the NAVSTAR system and post processing. As an example we cite the most striking phenomena: the technique of the relief to be confused with that of rapid static, it comes with significant static acquisition times of 10 minutes, using inappropriate acquisition intervals, using a value of 'cut-off angle inappropriate for precision measurements, tests are made to check the goodness of a RTK with acquisitions to 1 second to 24 hours or more to get results saying with pinpoint precision, etc.. In this regard, we have analyzed some of the works contract for the procurement of collection and it was found that often suffer the same problems. To try to clarify these issues on the one hand there was the terminology and at times contradictory operatives operating an extensive bibliography of technical and scientific.On the other side of the tests were performed on survey methods, including static and rapid static and do post-processing that occurs between theory and practice. In order to answer fully the questions of how it can affect the goodness of the final result of the choice of the range, or the acquisition of the observing time based on the length of the baseline tests were performed with baselines of 5, 10 and 15 km. The survey was done with dual-frequency receivers Leica, while the baseline of 30 km was used Topcon always dual-frequency receivers. The research involved 27 days of relief and 80 days post-processing. We wanted to set the job trying to respect both in relief in the post-processing of data a situation of "normality" in the sense that sites were chosen where the quality of the observations was not great nor bad. We have the end results of these tests to support a business that allows to specify clearly, in appropriate terms, even the substance of future technical and scientific documentation.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2298960
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact