Identità liquida: segno patognomonico della BPO