La tesi del libro è che la poesia è un linguaggio "differente" (che fanno cioè la differenza) rispetto a quello della comunicazione e dell'informazione, generalmente imposto dal mercato (anche quello editoriale). L'autore affronta la questione in una chiave critica "militante" in tredici saggi, ora brevi, ora più lunghi, non senza ironia, affrontando alcuni nodi essenziali della poesia contemporanea (dall'impegno al realismo all'io-lirico ai rapporti con l'editoria ecc.).

La differenza della poesia

RITROVATO, SALVATORE
2009-01-01

Abstract

La tesi del libro è che la poesia è un linguaggio "differente" (che fanno cioè la differenza) rispetto a quello della comunicazione e dell'informazione, generalmente imposto dal mercato (anche quello editoriale). L'autore affronta la questione in una chiave critica "militante" in tredici saggi, ora brevi, ora più lunghi, non senza ironia, affrontando alcuni nodi essenziali della poesia contemporanea (dall'impegno al realismo all'io-lirico ai rapporti con l'editoria ecc.).
9788896020364
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2299673
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact