Quando la condotta antecedente osta alla riparazione pecuniaria