Raffaello e l'antico: alcune precisazioni