Riflessioni sull’art. 43 della Legge Fallimentare e sulla precaria legittimazione processuale del fallito