Appunti campaniani. “Boboli” e la retorica dei sensi