Ernst Jünger: l'Arbeiter, la guerra e l'incanto della razionalizzazione