Corpo carismatico da “vedere” e “toccare”, Garibaldi (1807-1882) appartiene alla storia politica italiana non meno che alla storia religiosa. Se il “tocco” del corpo era riservato ai sovrani reali, con Garibaldi divenne un gesto per investire di sacralità la politica democratica al suo inizio. Attraverso le reliquie laiche egli compensò la debole sacralità monarchica dei Carignano Savoia e fece concorrenza all’offensiva di corpi santi messa in atto dalla Chiesa cattolica, per riconsacrare l’Europa sconsacrata dalle armate napoleoniche. Garibaldi propose se stesso e i suoi martiri come fonti di sacralità per la nuova Italia. Riuscì così a mantenere unito il “partito garibaldino”, che dal 1867 divenne sempre più radicale, in opposizione alla leadership moderata. Anche l’immagine del suo corpo subiva diverse metamorfosi. Negli anni ’70 si trasformava in un “corpo di carta”, attraverso la scrittura di numerosi romanzi storici, con i quali creò una memoria democratica del Risorgimento, delegittimando la monarchia e accentuando la polemica verso le autorità religiose. Prefigurava, infine, la trasformazione del suo corpo in “corpo di cenere”, da consegnare a una pira omerica, e moltiplicarlo in reliquia per i seguaci. Il sito da lui preparato, perché la cenere non fosse dispersa, è stato finalmente rintracciato, come documentano le illustrazioni all’interno. Ciò fa concludere all’autore che i monumenti fossero, in verità, dei reliquiari. I credenti nella religione politica realizzavano la “risurrezione” degli eroi, grazie al realismo delle sculture e dei tratti del volto. Accanto a quei pubblici altari avveniva la messa in scena di una ritualità radicale, mediante l’ostensione di reliquie laiche, la sfilata di veterani in camicia rossa e l’esecuzione di motivi musicali.

Garibaldi taumaturgo. Reliquie laiche e politica nell'Ottocento

MENGOZZI, DINO
2008-01-01

Abstract

Corpo carismatico da “vedere” e “toccare”, Garibaldi (1807-1882) appartiene alla storia politica italiana non meno che alla storia religiosa. Se il “tocco” del corpo era riservato ai sovrani reali, con Garibaldi divenne un gesto per investire di sacralità la politica democratica al suo inizio. Attraverso le reliquie laiche egli compensò la debole sacralità monarchica dei Carignano Savoia e fece concorrenza all’offensiva di corpi santi messa in atto dalla Chiesa cattolica, per riconsacrare l’Europa sconsacrata dalle armate napoleoniche. Garibaldi propose se stesso e i suoi martiri come fonti di sacralità per la nuova Italia. Riuscì così a mantenere unito il “partito garibaldino”, che dal 1867 divenne sempre più radicale, in opposizione alla leadership moderata. Anche l’immagine del suo corpo subiva diverse metamorfosi. Negli anni ’70 si trasformava in un “corpo di carta”, attraverso la scrittura di numerosi romanzi storici, con i quali creò una memoria democratica del Risorgimento, delegittimando la monarchia e accentuando la polemica verso le autorità religiose. Prefigurava, infine, la trasformazione del suo corpo in “corpo di cenere”, da consegnare a una pira omerica, e moltiplicarlo in reliquia per i seguaci. Il sito da lui preparato, perché la cenere non fosse dispersa, è stato finalmente rintracciato, come documentano le illustrazioni all’interno. Ciò fa concludere all’autore che i monumenti fossero, in verità, dei reliquiari. I credenti nella religione politica realizzavano la “risurrezione” degli eroi, grazie al realismo delle sculture e dei tratti del volto. Accanto a quei pubblici altari avveniva la messa in scena di una ritualità radicale, mediante l’ostensione di reliquie laiche, la sfilata di veterani in camicia rossa e l’esecuzione di motivi musicali.
9788889506653
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2508786
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact