Nella società multiculturale un ruolo primario è svolto dalla donna migrante che riassume nella propria persona ruoli e mansioni molteplici e differenziati, ad ogni donna corrisponde una storia complessa e un inedito progetto di vita. Conflittualità, marginalità, difficoltà relazionali e lavorative, crisi di identità e ibridazioni sono alcuni nodi problematici tra tradizione e presente. Alcune riflessioni finali riguardano il caso della comunità rwandese a Roma, che aiuta le connazionali a superare il PTSD, formandole quali operatrici sociali impegnate ad evitare il ripetersi degli orrori del passato e i traumi dell’emigrazione.

Questioni di donne. Eterogeneità e complessità migratoria

PERSI, ROSELLA
2012-01-01

Abstract

Nella società multiculturale un ruolo primario è svolto dalla donna migrante che riassume nella propria persona ruoli e mansioni molteplici e differenziati, ad ogni donna corrisponde una storia complessa e un inedito progetto di vita. Conflittualità, marginalità, difficoltà relazionali e lavorative, crisi di identità e ibridazioni sono alcuni nodi problematici tra tradizione e presente. Alcune riflessioni finali riguardano il caso della comunità rwandese a Roma, che aiuta le connazionali a superare il PTSD, formandole quali operatrici sociali impegnate ad evitare il ripetersi degli orrori del passato e i traumi dell’emigrazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2514806
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact