La detenzione è stata associata ad una ridotta attività fisica. I detenuti sedentari hanno un sostanziale aumento del rischio di sviluppare diabete mellito, malattie cardiache e una serie di altre condizioni croniche invalidanti. Lo scopo del presente studio è stato quindi di valutare gli effetti di un programma di allenamento aerobico e di stretching su peso, IMC, circonferenza vita, circonferenza fianchi, rapporto vita-fianchi, fitness cardiorespiratorio (distanza al 6MWT), flessibilità ed equilibrio in 23 detenuti adulti sedentari. I risultati indicano che un programma di allenamento aerobico e di stretching della durata di tre mesi migliora significativamente il fitness cardiorespiratorio e l’equilibrio.

Attività motoria per il miglioramento dello stato di salute in carcere

FEDERICI, ARIO;ZOFFOLI, LUCA;LONGO, DANIELA;LUCERTINI, FRANCESCO
2012-01-01

Abstract

La detenzione è stata associata ad una ridotta attività fisica. I detenuti sedentari hanno un sostanziale aumento del rischio di sviluppare diabete mellito, malattie cardiache e una serie di altre condizioni croniche invalidanti. Lo scopo del presente studio è stato quindi di valutare gli effetti di un programma di allenamento aerobico e di stretching su peso, IMC, circonferenza vita, circonferenza fianchi, rapporto vita-fianchi, fitness cardiorespiratorio (distanza al 6MWT), flessibilità ed equilibrio in 23 detenuti adulti sedentari. I risultati indicano che un programma di allenamento aerobico e di stretching della durata di tre mesi migliora significativamente il fitness cardiorespiratorio e l’equilibrio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2550175
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact