Espungendo la questione della cosa in sé dal proprio universo kantiano, Hannah Arendt passa da un fenomenismo relativo ad uno assoluto. In tal modo, la sua contestazione della metafisica moderna finisce per legittimare una serie di premesse filosofiche che sono alla base della svolta postmoderna degli ultimi decenni.

Hannah Arendt oltre Kant: la questione della «cosa in sé» e la consumazione dell’«ottimismo» moderno

AZZARA', GIUSEPPE STEFANO
2015-01-01

Abstract

Espungendo la questione della cosa in sé dal proprio universo kantiano, Hannah Arendt passa da un fenomenismo relativo ad uno assoluto. In tal modo, la sua contestazione della metafisica moderna finisce per legittimare una serie di premesse filosofiche che sono alla base della svolta postmoderna degli ultimi decenni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2604421
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact