Il problema del diritto d’autore è senza dubbio una delle questioni più urgenti e complesse che le biblioteche – e in generale tutti gli attori della filiera culturale – si trovano ad affrontare oggi. Qual è l’uso lecito di un’opera dell’intelletto? I detentori dei diritti possono porre dei limiti – e quali – alla sua fruizione? Che tipo di proprietà può vantare l’autore sulla propria opera? Sono solo alcune delle domande a cui è sempre più difficile dare una risposta univoca. L’articolo analizza il recente lavoro di Chiara De Vecchis e Paolo Traniello (La proprietà del pensiero, 2012) illustrando la vicenda del diritto d’autore da un punto di vista storico, teorico e giuridico a partire dal 1700 fino ai giorni nostri, con un’attenzione particolare alla situazione italiana. L’obiettivo è quello di contribuire alla formazione di una cultura del diritto d’autore che tenga conto anche dei diritti del lettore, e che metta in grado il bibliotecario di interpretare al meglio il suo ruolo tradizionale di mediazione tra universo documentario – protetto o promosso dai diritti di proprietà intellettuale – e bisogni informativi (o diritto di accesso alle informazioni) degli utenti, in un contesto radicalmente mutato rispetto al passato.

Storia e attualità del diritto d'autore

MICCOLI, SEBASTIANO
2013-01-01

Abstract

Il problema del diritto d’autore è senza dubbio una delle questioni più urgenti e complesse che le biblioteche – e in generale tutti gli attori della filiera culturale – si trovano ad affrontare oggi. Qual è l’uso lecito di un’opera dell’intelletto? I detentori dei diritti possono porre dei limiti – e quali – alla sua fruizione? Che tipo di proprietà può vantare l’autore sulla propria opera? Sono solo alcune delle domande a cui è sempre più difficile dare una risposta univoca. L’articolo analizza il recente lavoro di Chiara De Vecchis e Paolo Traniello (La proprietà del pensiero, 2012) illustrando la vicenda del diritto d’autore da un punto di vista storico, teorico e giuridico a partire dal 1700 fino ai giorni nostri, con un’attenzione particolare alla situazione italiana. L’obiettivo è quello di contribuire alla formazione di una cultura del diritto d’autore che tenga conto anche dei diritti del lettore, e che metta in grado il bibliotecario di interpretare al meglio il suo ruolo tradizionale di mediazione tra universo documentario – protetto o promosso dai diritti di proprietà intellettuale – e bisogni informativi (o diritto di accesso alle informazioni) degli utenti, in un contesto radicalmente mutato rispetto al passato.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
8984-13461-1-PB.pdf

accesso aperto

Descrizione: Testo dell'articolo in formato PDF
Tipologia: Versione referata/accettata
Licenza: Pubblico senza Copyright
Dimensione 215.82 kB
Formato Adobe PDF
215.82 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2626946
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact