The article discusses the issue of the anthropological foundation of democracy. The author criticises the thesis of J. Rawls - or rather a certain interpretation of his thought - which defines democracy as a simple formal procedure. He prefers the thesis that democracy is a procedural system based on a substantive (philosophical and/or religious) content. The author identifies this value content (also accepted by Rawls, if interpreted more thoroughly than usual) in a precise anthropological principle: the idea of man as a "free and equal person" and therefore endowed with absolute value. After having shown how this idea, which is of Christian origin, possesses the character of a 'concrete universal' and is universally available, the conclusion is that a democratic political system cannot survive without an adequate moral foundation. Procedural formalisation is not lost but, after having renounced its claim to absoluteness, is used as a principle of universalisation of a precise anthropological content. L’articolo discute il tema del fondamento antropologico della democrazia. L’Autore critica la tesi di J. Rawls – o meglio una certa interpretazione del suo pensiero - che definisce la democrazia come semplice procedura formale, preferendo la tesi che la democrazia sia un sistema che si fonda su un contenuto sostantivo (filosofico e/o religioso). L’Autore identifica tale contenuto valoriale (per altro accettato anche da Rawls, se interpretato in maniera più approfondita di quella usuale) in un preciso principio antropologico: l’idea dell’uomo come «persona libera ed eguale» e perciò dotato di valore assoluto. Dopo avere mostrato come tale idea, che è di origine cristiana, possiede il carattere di «universale concreto» ed è universalmente disponibile, la conclusione è che un ordinamento politico democratico non può sopravvivere senza un adeguato fondamento morale. Con ciò non è perduta la formalizzazione procedurale che, dopo avere deposto la sua pretesa di assolutezza, viene utilizzata come principio di universalizzazione di un preciso contenuto antropologico.

Il soggetto della democrazia: note sul fondamento antropologico

CANGIOTTI, MARCO
2015-01-01

Abstract

The article discusses the issue of the anthropological foundation of democracy. The author criticises the thesis of J. Rawls - or rather a certain interpretation of his thought - which defines democracy as a simple formal procedure. He prefers the thesis that democracy is a procedural system based on a substantive (philosophical and/or religious) content. The author identifies this value content (also accepted by Rawls, if interpreted more thoroughly than usual) in a precise anthropological principle: the idea of man as a "free and equal person" and therefore endowed with absolute value. After having shown how this idea, which is of Christian origin, possesses the character of a 'concrete universal' and is universally available, the conclusion is that a democratic political system cannot survive without an adequate moral foundation. Procedural formalisation is not lost but, after having renounced its claim to absoluteness, is used as a principle of universalisation of a precise anthropological content. L’articolo discute il tema del fondamento antropologico della democrazia. L’Autore critica la tesi di J. Rawls – o meglio una certa interpretazione del suo pensiero - che definisce la democrazia come semplice procedura formale, preferendo la tesi che la democrazia sia un sistema che si fonda su un contenuto sostantivo (filosofico e/o religioso). L’Autore identifica tale contenuto valoriale (per altro accettato anche da Rawls, se interpretato in maniera più approfondita di quella usuale) in un preciso principio antropologico: l’idea dell’uomo come «persona libera ed eguale» e perciò dotato di valore assoluto. Dopo avere mostrato come tale idea, che è di origine cristiana, possiede il carattere di «universale concreto» ed è universalmente disponibile, la conclusione è che un ordinamento politico democratico non può sopravvivere senza un adeguato fondamento morale. Con ciò non è perduta la formalizzazione procedurale che, dopo avere deposto la sua pretesa di assolutezza, viene utilizzata come principio di universalizzazione di un preciso contenuto antropologico.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2630950
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact