Un motore della diseguaglianza sociale, è la differenza tra reddito da capitale e reddito da lavoro. L'ultimo libro di Piketty ci insegna che l'accumulo di capitale in una ristretta fascia di popolazione e la costanza del suo rendimento nel corso degli anni, hanno contributo all'argamento della forbice delle diseguaglianze nel modo capitalistico. A questo si aggiungono un forte incremento delle retribuzioni più alte di fronte ad una stagnazione delle medie e ad un recesso delle basse. La crescita della ricchezza degli ultimi trent'anni è stata perciò ripartita in modo da arrestare la diminuzione delle diseguaglianze successiva alla Grande Guerra, e si assiste invece ad una chiara inversione di tendenza. Alcuni fattori, come l'investimento in educazione, possono alleviare questa tendenza alla crescita della diseguaglianza, ma l'innovazione tecnologica, la finanziarizzazione, la creazione di élites autoreferenti nella competizione globale hanno incrementato reddito in alcuni paesi e esteso la povertà, anche tra i lavoratori in altre aree. Questo rimescolamento planetario non affligge però i percettori di rendite da capitale che ovunque vendono crescere la loro quota di ricchezza.

Lavoro e capitale nella lettura di libro di Thomas Piketty “Il capitale nel XXI secolo”

GIANNELLI, NICOLA
2015-01-01

Abstract

Un motore della diseguaglianza sociale, è la differenza tra reddito da capitale e reddito da lavoro. L'ultimo libro di Piketty ci insegna che l'accumulo di capitale in una ristretta fascia di popolazione e la costanza del suo rendimento nel corso degli anni, hanno contributo all'argamento della forbice delle diseguaglianze nel modo capitalistico. A questo si aggiungono un forte incremento delle retribuzioni più alte di fronte ad una stagnazione delle medie e ad un recesso delle basse. La crescita della ricchezza degli ultimi trent'anni è stata perciò ripartita in modo da arrestare la diminuzione delle diseguaglianze successiva alla Grande Guerra, e si assiste invece ad una chiara inversione di tendenza. Alcuni fattori, come l'investimento in educazione, possono alleviare questa tendenza alla crescita della diseguaglianza, ma l'innovazione tecnologica, la finanziarizzazione, la creazione di élites autoreferenti nella competizione globale hanno incrementato reddito in alcuni paesi e esteso la povertà, anche tra i lavoratori in altre aree. Questo rimescolamento planetario non affligge però i percettori di rendite da capitale che ovunque vendono crescere la loro quota di ricchezza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2631528
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact