Il genere Dinodasys, istituito da Remane (1927) per esemplari di D. mirabilis (Helgoland, Germania) affini alle specie di Turbanella e Paraturbanella, è stato successivamente da lui stesso incluso nei Turbanellidae. Il recente rinvenimento (Skagerrak, Svezia) di esemplari maturi della stessa specie ha consentito la prima descrizione dell’apparato riproduttore e spermatozoo nel genere. Alcuni esemplari sono stati osservati in toto a contrasto interferenziale. Altri sono stati prefissati (glutaraldeide 2%), post-fissati (OsO4 1%), disidratati (etanolo), quindi essiccati al CPD (CO2), montati su stub e metallizzati con oro per l’osservazione SEM, oppure inclusi in Araldite, e le sezioni fini contrastate con piombo citrato/uranile acetato per il TEM. L’apparato ermafrodita presenta due testicoli con spermidotti uniti in un poro ventrale, due ovari posterolaterali. Gli oociti maturano in direzione cefalica e dorsale. L’organo sessuale accessorio (frontale) è dorso laterale, tra testicolo destro e uovo maturo. Un grande organo ghiandolare, caudale all’ano, potrebbe avere funzioni sessuali accessorie. È stato descritto lo spermatozoo. La struttura dell’apparato riproduttore e dello spermatozoo di Dinodasys è quella tipica dei Turbanellidae, e queste sono le uniche sinapomorfie certe della famiglia. Le nuove informazioni potrebbero, permettendo una codifica puntuale di caratteri con forte segnale filogenetico, contribuire a migliorare il supporto statistico delle ipotesi filogenetiche su base morfologica.

PRIMA DESCRIZIONE DELL’APPARATO RIPRODUTTORE E DELLO SPERMATOZOO DI Dinodasys mirabilis (GASTROTRICHA, MACRODASYIDA)

GUIDI, LORETTA;BALSAMO, MARIA;
2011-01-01

Abstract

Il genere Dinodasys, istituito da Remane (1927) per esemplari di D. mirabilis (Helgoland, Germania) affini alle specie di Turbanella e Paraturbanella, è stato successivamente da lui stesso incluso nei Turbanellidae. Il recente rinvenimento (Skagerrak, Svezia) di esemplari maturi della stessa specie ha consentito la prima descrizione dell’apparato riproduttore e spermatozoo nel genere. Alcuni esemplari sono stati osservati in toto a contrasto interferenziale. Altri sono stati prefissati (glutaraldeide 2%), post-fissati (OsO4 1%), disidratati (etanolo), quindi essiccati al CPD (CO2), montati su stub e metallizzati con oro per l’osservazione SEM, oppure inclusi in Araldite, e le sezioni fini contrastate con piombo citrato/uranile acetato per il TEM. L’apparato ermafrodita presenta due testicoli con spermidotti uniti in un poro ventrale, due ovari posterolaterali. Gli oociti maturano in direzione cefalica e dorsale. L’organo sessuale accessorio (frontale) è dorso laterale, tra testicolo destro e uovo maturo. Un grande organo ghiandolare, caudale all’ano, potrebbe avere funzioni sessuali accessorie. È stato descritto lo spermatozoo. La struttura dell’apparato riproduttore e dello spermatozoo di Dinodasys è quella tipica dei Turbanellidae, e queste sono le uniche sinapomorfie certe della famiglia. Le nuove informazioni potrebbero, permettendo una codifica puntuale di caratteri con forte segnale filogenetico, contribuire a migliorare il supporto statistico delle ipotesi filogenetiche su base morfologica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2632610
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact