Prima di iniziare le sue straordinarie campagne archeologiche nel Foro Romano, Giacomo Boni, in qualità di ispettore della Direzione Generale Antichità e Belle Arti, fu impegnato tra il 1888 e il 1898 in una capillare azione di documentazione, conservazione e tutela del patrimonio monumentale nazionale, soprattutto di quello del Mezzogiorno, all’epoca trascurato e negletto. L’articolo ricostruisce tempi, modi e finalità di questa azione di salvaguardia attingendo a fonti scritte e grafiche dell’Archivio Centrale dello Stato e soprattutto dell’archivio Boni-Tea, conservato presso l’Istituto Lombardo Accademia Scienze e Lettere di Milano.

I monumenti del Mezzogiorno medievale nei taccuini di Giacomo Boni (1888-1898): documentazione, tutela, conservazione del patrimonio artistico nell’Italia post-unitaria

PARIBENI, ANDREA
2016-01-01

Abstract

Prima di iniziare le sue straordinarie campagne archeologiche nel Foro Romano, Giacomo Boni, in qualità di ispettore della Direzione Generale Antichità e Belle Arti, fu impegnato tra il 1888 e il 1898 in una capillare azione di documentazione, conservazione e tutela del patrimonio monumentale nazionale, soprattutto di quello del Mezzogiorno, all’epoca trascurato e negletto. L’articolo ricostruisce tempi, modi e finalità di questa azione di salvaguardia attingendo a fonti scritte e grafiche dell’Archivio Centrale dello Stato e soprattutto dell’archivio Boni-Tea, conservato presso l’Istituto Lombardo Accademia Scienze e Lettere di Milano.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2645348
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact