Attendevano in molti il risultato del Veneto alle scorse elezioni regionali. Non solo i protagonisti e i cittadini della regione, ma gli attori e gli osservatori politici interessati a capire se il Nord più produttivo, più moderato sul piano politico e più «arrabbiato» sul piano sociale fosse orientato, senza esitazioni, verso l’alleanza Polo-Lega, come i dati elettorali delle precedenti consultazioni lasciavano intendere. Quando le due compagini, divise, avevano ottenuto il 56% dei voti validi alle regionali del 1995. Ma il 65% alle politiche dell’anno dopo, equamente divisi. Riuscendo penalizzati, sul piano dei seggi, solo dalla reciproca competizione.

Veneto: la personalizzazione imperfetta

Ilvo Diamanti
2000-01-01

Abstract

Attendevano in molti il risultato del Veneto alle scorse elezioni regionali. Non solo i protagonisti e i cittadini della regione, ma gli attori e gli osservatori politici interessati a capire se il Nord più produttivo, più moderato sul piano politico e più «arrabbiato» sul piano sociale fosse orientato, senza esitazioni, verso l’alleanza Polo-Lega, come i dati elettorali delle precedenti consultazioni lasciavano intendere. Quando le due compagini, divise, avevano ottenuto il 56% dei voti validi alle regionali del 1995. Ma il 65% alle politiche dell’anno dopo, equamente divisi. Riuscendo penalizzati, sul piano dei seggi, solo dalla reciproca competizione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2656142
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact