Il lavoro parte dalla constatazione di come la frequenza scolastica dell’allievo con disturbi dello spettro autistico non sempre si connetta con la promozione di reali processi inclusivi. A fronte di esperienze significative sul territorio nazionale, non può certo dirsi consolidata e diffusa una prassi operativa realmente efficace. Vengono discusse alcune criticità che investono il piano organizzativo e quello metodologico, anche nella prospettiva di coniugare il progetto scolastico con quello esistenziale.

La scuola può essere inclusiva anche per gli allievi con Disturbi dello spettro autistico?

COTTINI, Lucio
2017-01-01

Abstract

Il lavoro parte dalla constatazione di come la frequenza scolastica dell’allievo con disturbi dello spettro autistico non sempre si connetta con la promozione di reali processi inclusivi. A fronte di esperienze significative sul territorio nazionale, non può certo dirsi consolidata e diffusa una prassi operativa realmente efficace. Vengono discusse alcune criticità che investono il piano organizzativo e quello metodologico, anche nella prospettiva di coniugare il progetto scolastico con quello esistenziale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2664613
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact