La libertà è prima di tutto interiore, quindi di pensiero, di spirito, di scelta e di azione. Anche il penitenziario può pertanto essere una sede di rieducazione dove acquisire consapevolezza della bellezza e del valore profondo di questo dono.

Educare alla libertà anche dietro le sbarre

Persi Rosella
2018-01-01

Abstract

La libertà è prima di tutto interiore, quindi di pensiero, di spirito, di scelta e di azione. Anche il penitenziario può pertanto essere una sede di rieducazione dove acquisire consapevolezza della bellezza e del valore profondo di questo dono.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2665587
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact