In che modo possiamo occuparci, da sociologhe e sociologi, dei legami che manteniamo o meno con i nostri cari defunti? In questa nota critica intendiamo far dialogare tra loro due volumi pro-venienti da diversi contesti nazionali e da prospettive disciplinari eterogenee che presentano un forte carattere transdisciplinare e risuonano in modo fecondo intorno a un tema di grande attualità negli studi sulla morte e sul morire: il rapporto tra “quelli che restano” e i morti e i cambiamenti che investono tale rapporto nelle società occidentali in tempi recenti. Il primo volume restituisce la preziosa ricerca della filosofa belga Vinciane Despret sui modi di esistenza dei morti e i modi di rivolgersi a loro che i sopravvissuti devono apprendere. La teoria del “lavoro del lutto” che ha sostanzialmente dominato il Novecento è lo storico bersaglio critico anche del secondo testo analizzato nella nota, curato da Dennis Klass, membro del gruppo editoriale delle riviste Death Studies e Omega Journal of Death and Dying, insieme a Edith Maria Steffen, entrambi psicologi. Si tratta di un volume collettaneo che raccoglie lo stato dell’arte e le nuove questioni aperte nel dibattito sulla morte e la perdita che si è sviluppato negli ultimi due decenni intorno alla categoria dei continuing bonds.

Legami che resistono. Modi di esistenza dei morti e continuing bonds

Roberta Bartoletti
2019-01-01

Abstract

In che modo possiamo occuparci, da sociologhe e sociologi, dei legami che manteniamo o meno con i nostri cari defunti? In questa nota critica intendiamo far dialogare tra loro due volumi pro-venienti da diversi contesti nazionali e da prospettive disciplinari eterogenee che presentano un forte carattere transdisciplinare e risuonano in modo fecondo intorno a un tema di grande attualità negli studi sulla morte e sul morire: il rapporto tra “quelli che restano” e i morti e i cambiamenti che investono tale rapporto nelle società occidentali in tempi recenti. Il primo volume restituisce la preziosa ricerca della filosofa belga Vinciane Despret sui modi di esistenza dei morti e i modi di rivolgersi a loro che i sopravvissuti devono apprendere. La teoria del “lavoro del lutto” che ha sostanzialmente dominato il Novecento è lo storico bersaglio critico anche del secondo testo analizzato nella nota, curato da Dennis Klass, membro del gruppo editoriale delle riviste Death Studies e Omega Journal of Death and Dying, insieme a Edith Maria Steffen, entrambi psicologi. Si tratta di un volume collettaneo che raccoglie lo stato dell’arte e le nuove questioni aperte nel dibattito sulla morte e la perdita che si è sviluppato negli ultimi due decenni intorno alla categoria dei continuing bonds.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2671274
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact