Considerazioni su una "prosa" lirica di Ungaretti, in cui la poesia ha modo di sprigionarsi in un linguaggio che supera le contingenze del verso e individua un nuovo orizzonte paesaggistico

Su una "prosa" di Ungaretti

Salvatore Ritrovato
2020-01-01

Abstract

Considerazioni su una "prosa" lirica di Ungaretti, in cui la poesia ha modo di sprigionarsi in un linguaggio che supera le contingenze del verso e individua un nuovo orizzonte paesaggistico
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2683382
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact