Lo Stato, fra negativismo e dialettica