Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo” e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e ha per oggetto lo studio dell’opera Ricostruzione del dinosauro di Pino Pascali; in tale ambito è stato possibile sperimentare un innovativo tipo di documentazione tridimensionale (la fotomodellazione) e confrontarla con la più tradizionale tecnica del laser scanner. L’obiettivo è stato quello di identificare il metodo di restituzione 3D più valido, attraverso una serie di considerazioni che partono dalla facilità di applicazione sul campo, dai tempi dell’acquisizione dati e dall’accuratezza del dato scaturito. Il confronto ha permesso di valutare i limiti e la possibilità di impiego di tali tecniche come strumento di documentazione, specialmente ai fini della movimentazione e della conservazione dell’opera d’arte all’interno del sistema museale. Le indagini diagnostiche, effettuate in via preliminare, sono state utili per comprendere la tecnica esecutiva dell’opera e le successive operazioni di restauro da svolgersi. Infine, poiché l’opera è stata richiesta in prestito per una mostra temporanea presso la Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare, è stato possibile utilizzare il sistema digitale Conditionreport.it, nel quale sono state inserite tutte le informazioni relative alla storia conservativa del manufatto. Ricostruzione del dinosauro is a sculpture composed by sixteen elements, made on canvas stretched on wooden structure by Pino Pascali and it was created in 1966. Now it belongs to the Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea in Rome. The project involved the museum and the University of Urbino “Carlo Bo” for finding a brand new method of three dimensional documentation, useful for documentation, monitoring and good conservation inside the museum. We have tested two techniques currently available of 3D modeling based on digital images. Our goal is to evaluate and forecast the comparison between web based software, as 123D Catch models and terrestrial laser scanner 3D acquisition: efficiency, accuracy, constraints and limitation in order to verify the best method for museum’s artworks.

Ricostruzione del dinosauro di Pino Pascali. La documentazione, l'intervento e il "viaggio": proposte metodologiche

Baratin, Laura
;
2019-01-01

Abstract

Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo” e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e ha per oggetto lo studio dell’opera Ricostruzione del dinosauro di Pino Pascali; in tale ambito è stato possibile sperimentare un innovativo tipo di documentazione tridimensionale (la fotomodellazione) e confrontarla con la più tradizionale tecnica del laser scanner. L’obiettivo è stato quello di identificare il metodo di restituzione 3D più valido, attraverso una serie di considerazioni che partono dalla facilità di applicazione sul campo, dai tempi dell’acquisizione dati e dall’accuratezza del dato scaturito. Il confronto ha permesso di valutare i limiti e la possibilità di impiego di tali tecniche come strumento di documentazione, specialmente ai fini della movimentazione e della conservazione dell’opera d’arte all’interno del sistema museale. Le indagini diagnostiche, effettuate in via preliminare, sono state utili per comprendere la tecnica esecutiva dell’opera e le successive operazioni di restauro da svolgersi. Infine, poiché l’opera è stata richiesta in prestito per una mostra temporanea presso la Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare, è stato possibile utilizzare il sistema digitale Conditionreport.it, nel quale sono state inserite tutte le informazioni relative alla storia conservativa del manufatto. Ricostruzione del dinosauro is a sculpture composed by sixteen elements, made on canvas stretched on wooden structure by Pino Pascali and it was created in 1966. Now it belongs to the Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea in Rome. The project involved the museum and the University of Urbino “Carlo Bo” for finding a brand new method of three dimensional documentation, useful for documentation, monitoring and good conservation inside the museum. We have tested two techniques currently available of 3D modeling based on digital images. Our goal is to evaluate and forecast the comparison between web based software, as 123D Catch models and terrestrial laser scanner 3D acquisition: efficiency, accuracy, constraints and limitation in order to verify the best method for museum’s artworks.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
kermes113_Baratin.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo stampato
Tipologia: Versione editoriale
Licenza: Pubblico con Copyright
Dimensione 154.76 kB
Formato Adobe PDF
154.76 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2689737
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact