Di una vita in magistratura e non solo: La stanza numero 30