In caso di contabilizzazione dei rischi e dei debiti tributari connessi agli accertamenti esperibili in capo alle società sottoposte a verifica da parte della Guardia di finanza o da parte degli Uffici finanziari, è necessario valutare se iscrivere in bilancio, sin dall’esercizio in cui si è conclusa la verifica, un fondo accantonamento destinato a fronteggiare tali passività, ovvero se sia preferibile attendere e registrare direttamente le componenti negative di reddito correlate ai futuri accertamenti.

La contabilizzazione dei rischi e dei futuri debiti derivanti da verifiche tributarie

Bagarotto E
2002-01-01

Abstract

In caso di contabilizzazione dei rischi e dei debiti tributari connessi agli accertamenti esperibili in capo alle società sottoposte a verifica da parte della Guardia di finanza o da parte degli Uffici finanziari, è necessario valutare se iscrivere in bilancio, sin dall’esercizio in cui si è conclusa la verifica, un fondo accantonamento destinato a fronteggiare tali passività, ovvero se sia preferibile attendere e registrare direttamente le componenti negative di reddito correlate ai futuri accertamenti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2695270
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact