Introduzione. Il tema delle rappresentazioni sociali dell’affido familiare è stato poco indagato e limitati sono gli studi che hanno sondato come l’affido è visto e percepito dalla popolazione generale. Emerge, quindi, l’importanza di approfondire il tema delle rappresentazioni in quanto “guida per l’azione”. Obiettivi. Il presente studio è volto a sondare le rappresentazioni dell’affido e promuovere una cultura dell’accoglienza, indagando quali fattori ne predicano una rappresentazione positiva e realistica. Sono stati presi in considerazione la prosocialità, la visione del mondo sociale come coerente e la generatività sociale, ipotizzando che visioni più positive e realistiche dell’affido siano ad essi connessi favorendo, a loro volta, una potenziale disponibilità all’accoglienza. Metodo. Un questionario self-report contenente variabili socio-demografiche, variabili relative alle rappresentazioni dell’affido, la Scala di Comportamento Prosociale, la Sense of Coherence Scale e la Loyola Generativity Scale è stato somministrato a genitori e insegnanti di nove Istituti Comprensivi del territorio lombardo (N=1285). Risultati. Il comportamento prosociale, l’atteggiamento generativo e la visione del mondo come coerente risultano predittori di una rappresentazione positiva e realistica dell’affido. In particolare, rispetto alla rappresentazione positiva, i tre costrutti sono predittori di sentimenti positivi verso tale pratica e l’atteggiamento generativo predice l’idea che l’affido sia un intervento migliore della comunità. Rispetto alla rappresentazione realistica, la prosocialità è predittore dell’idea dell’importanza del legame tra le famiglie coinvolte, mentre sia la prosocialità che la visione del mondo come coerente predicono l’idea che l’affido presupponga una collaborazione con i servizi. Conclusioni. I soggetti che presentano alti livelli di tali costrutti potrebbero essere maggiormente sensibili a interventi volti a individuare potenziali famiglie affidatarie.

Fidarsi è bene! Rappresentazioni sociali dell’affido e fiducia nel sociale

Pagani, Ariela Francesca;Iafrate, Raffaella
2016

Abstract

Introduzione. Il tema delle rappresentazioni sociali dell’affido familiare è stato poco indagato e limitati sono gli studi che hanno sondato come l’affido è visto e percepito dalla popolazione generale. Emerge, quindi, l’importanza di approfondire il tema delle rappresentazioni in quanto “guida per l’azione”. Obiettivi. Il presente studio è volto a sondare le rappresentazioni dell’affido e promuovere una cultura dell’accoglienza, indagando quali fattori ne predicano una rappresentazione positiva e realistica. Sono stati presi in considerazione la prosocialità, la visione del mondo sociale come coerente e la generatività sociale, ipotizzando che visioni più positive e realistiche dell’affido siano ad essi connessi favorendo, a loro volta, una potenziale disponibilità all’accoglienza. Metodo. Un questionario self-report contenente variabili socio-demografiche, variabili relative alle rappresentazioni dell’affido, la Scala di Comportamento Prosociale, la Sense of Coherence Scale e la Loyola Generativity Scale è stato somministrato a genitori e insegnanti di nove Istituti Comprensivi del territorio lombardo (N=1285). Risultati. Il comportamento prosociale, l’atteggiamento generativo e la visione del mondo come coerente risultano predittori di una rappresentazione positiva e realistica dell’affido. In particolare, rispetto alla rappresentazione positiva, i tre costrutti sono predittori di sentimenti positivi verso tale pratica e l’atteggiamento generativo predice l’idea che l’affido sia un intervento migliore della comunità. Rispetto alla rappresentazione realistica, la prosocialità è predittore dell’idea dell’importanza del legame tra le famiglie coinvolte, mentre sia la prosocialità che la visione del mondo come coerente predicono l’idea che l’affido presupponga una collaborazione con i servizi. Conclusioni. I soggetti che presentano alti livelli di tali costrutti potrebbero essere maggiormente sensibili a interventi volti a individuare potenziali famiglie affidatarie.
978-88-941762-1-6
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2695653
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact