L’articolo, partendo dalla premessa di una fondamentale continuità fra il Magistero del Concilio Vaticano II e quello di Giovanni Paolo II, analizza la connessione che Papa Wojtyla pone fra la concezione antropologica, l’etica e la politica. La conclusione a cui l’articolo giunge è che in tale connessione prende forma una esplicita e perentoria valorizzazione della democrazia, coniugata però con una originale teoria della democrazia interpretata in termini sostantivi, teoria che prende una precisa posizione antiformalistica all’interno del dibattito contemporaneo. The article starts from the premise of the fundamental continuity between the Magisterium of the Second Vatican Council and the Magisterium of John Paul II. In this context, the article analyzes the connection that Pope Wojtyla places between anthropological conception, ethics and politics. The result obtained is to show that Pope Wojtyla has elaborated an explicit and peremptory enhancement of democracy, however, combined with an original "theory of democracy". In this theory, democracy is interpreted in substantive terms, in opposition to the proceduralist conceptions that characterize the contemporary philosophical-political debate.

PERSONA, ETICA, POLITICA. NOTE PER UNA TEORIA DELLA DEMOCRAZIA NEL MAGISTERO SOCIALE DI GIOVANNI PAOLO II

Marco Cangiotti
2021-01-01

Abstract

L’articolo, partendo dalla premessa di una fondamentale continuità fra il Magistero del Concilio Vaticano II e quello di Giovanni Paolo II, analizza la connessione che Papa Wojtyla pone fra la concezione antropologica, l’etica e la politica. La conclusione a cui l’articolo giunge è che in tale connessione prende forma una esplicita e perentoria valorizzazione della democrazia, coniugata però con una originale teoria della democrazia interpretata in termini sostantivi, teoria che prende una precisa posizione antiformalistica all’interno del dibattito contemporaneo. The article starts from the premise of the fundamental continuity between the Magisterium of the Second Vatican Council and the Magisterium of John Paul II. In this context, the article analyzes the connection that Pope Wojtyla places between anthropological conception, ethics and politics. The result obtained is to show that Pope Wojtyla has elaborated an explicit and peremptory enhancement of democracy, however, combined with an original "theory of democracy". In this theory, democracy is interpreted in substantive terms, in opposition to the proceduralist conceptions that characterize the contemporary philosophical-political debate.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2696750
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact